Come si effettua lo sblocco di un cancello a battente automatizzato Tau

Come si effettua lo sblocco di un cancello a battente?

Lo sblocco di un cancello è un’azione semplice e basilare. Segui anche tu questi semplici e veloci passaggi, e non ti troverai più impreparato in queste situazioni.

Per iniziare l’operazione di sblocco è indispensabile avere la chiave dell’ automazione che può essere diversa da quella usata per il selettore esterno.

Nel cilindro ci sono quattro numeri che identificano la chiave corretta da utilizzare.

  1. Aprire il cappuccio protettivo e inserire al suo interno la chiave, ruotare la chiave di 90 gradi.
  2. Alzare il meccanismo verso l’alto. L’operazione può richiedere un certo sforzo.
  3. Procedere manualmente con la manovra di apertura o chiusura dell’anta.

Effettuando questa operazione il cancello è libero dal motore e può essere aperto e chiuso spingendolo manualmente.

Quando avviene lo sblocco di un cancello a battente?

Generalmente questa operazione viene applicata quando non c’è corrente che alimenta l’automazione. Ad esempio perché salta la corrente per via di un temporale o hanno tolto temporaneamente l’alimentazione elettrica o per un guasto tecnico e hai la necessità di aprire il cancello per lasciare libero il passaggio.

In caso di frequenti black out si consiglia l’utilizzo di attuatori in bassa tensione e di una batteria a tampone.

Questa procedura è uguale per tutti gli attuatori elettromeccanici Tau serie Arm

 

Come prevenire la rottura di un cancello

É fondamentale eseguire una corretta manutenzione periodica almeno ogni sei mesi per verificare lo stato dell’ impianto e la pulizia dello stesso.

L’operazione di sblocco del cancello a battente deve essere effettuata almeno ogni sei mesi per evitare che l’inutilizzo del meccanismo ne provochi l’inefficacia in caso di bisogno.

 

Seguici sul nostro canale YouTube per non perdere nessun tutorial Tau.